Registra il tuo sito
 Crea il tuo sito
 Mailing list
 Pubblicità
 Cerca in Italia
 Cerca all'estero
 Riforma dell'autotrasporto
 Novità normative NEW!
 Contratti per il trasporto
 KASSETTS
 Progetto EASyLOG
 Open ENLoCC
 Programma Marco Polo
 Progetto Sestante
 Gilda e Gildanet
 Lavaggio Cisterne
 Software
 Serivizi On Line
 Cerca CAP
 Speciale sciopero NEW!
 Rassegna stampa
 Riviste di trasporto
 Manifestazioni ed eventi
 Consulenza ADR
 Studi e pubblicazioni
 Lezioni di logistica online
 ITL
 Lauree triennali
 Lauree specialistiche
 Post lauream
 Corsi di formazione
 Corsi di formazione ADR
TelerouteGO

Tariffe a forcella

Progetti e istituzioni > Programma Marco Polo
 
Tre diversi tipi di azione
Schede correlate
Programma Marco Polo
Marco Polo II
Politica europea dei trasporti


Link esterni al sito
Visita il sito ufficiale del programma

Il programma Marco Polo contempla tre tipi di azione.

1. Azioni di trasferimento fra modi. Puntano a dirottare il traffico merci dalla strada al trasporto marittimo a corto raggio, al trasporto ferroviario, o alle vie navigabili interne. Sia l’avvio di nuovi servizi sia il potenziamento di servizi già esistenti rientrano nella presente categoria. Le azione proposte non devono essere necessariamente innovative: devono dirottare quanta più merce possibile dalla strada ed essere quantificabili in ton-km.

2. Azioni catalizzatrici. Contribuiscono a promuovere e diffondere modalità di trasporto merci alternative alla strada all’interno della Comunità. In tal caso occorre superare le barriere strutturali di mercato esistenti nel trasporto merci su strada e ricorrere a nuove modalità. Si tratta cioè di sperimentare modalità di trasporto innovative. Come le autostrade del mare o i servizi internazionali di trasporto ferroviario merci di qualità, gestiti da uno sportello unico.

3. Azioni di comune apprendimento. Ampliano le conoscenze riguardo la logistica nel settore merci, incentivano metodi e procedure avanzati di cooperazione nel comparto merci. Nell’ambito di questo tipo d’azione vengono sovvenzionate le attività volte a migliorare la cooperazione e la condivisione del know-how: si tratta di una formazione reciproca per far fronte a un mercato sempre più complesso.

La Commissione europea invita i soggetti interessati a presentare proposte di progetto in merito a questi tre tipi di azione.

Per riflettere la dimensione europea del programma, occorre incoraggiare la collaborazione tra le imprese stabilite in paesi diversi sotto forma di un consorzio che presenti un’azione. I proponenti devono presentare progetti nuovi o migliorare progetti esistenti. Lo sviluppo di un servizio esistente può produrre benefici pari o superiori all’avviamento di un nuovo servizio.

Il primo bando di concorso per la partecipazione all’assegnazione dei fondi del programma Marco Polo è stato pubblicato l’11 Ottobre 2003 e si è chiuso il 10 Dicembre 2003. I tredici progetti scelti avranno attuazione a partire dal 2004. È imminente la pubblicazione del secondo bando di partecipazione a una nuova fase del programma (Marco Polo II).

 
visite: 13863   oggi: 1